Comentarios del lector/a

L'architetto Ed Il Figliastro

por Linette Chidley (2021-01-05)

 |  Publicar respuesta

Specialmente il ‘compare di anello’, vale a dire il padrino di matrimonio, annunci 69 diventava una figura di enorme rilievo perché a lui erano affidati il compito di offrire gli anelli (simbolo di legame tra gli sposi e con i ‘compari’) ed erudire il giovane sposo sui doveri coniugali, prima che il prete li recitasse dall’altare; la ‘comare’, a sua volta, esercitava il dovere di informare la pronuba su quello che la attendeva nel talamo nuziale e sul comportamento da tenere in ogni momento.

Usciamo per andare a cena in un ristorantino sul mare nel vicino paese e, nel corso della cena, metto in chiaro con forza che il sesso non è il primo dei miei interessi e che lo pratico non per scelta ma solo come necessità fisiologica; naturalmente, è molto contrariato e trova che tre giorni a non capirsi e a rinunciare sono insopportabili; decidiamo di rientrare l’indomani mattina; a letto, ancora tenta vari approcci per modi diversi di fare sesso ed io ancora gli dico con chiarezza che al mio partner, chiunque sia, consento solo una normale ‘missionaria’: mi chiede almeno di prepararlo con una masturbazione, che pratico controvoglia; poi mi penetra e, Annunci69 dopo alcuni colpi che non mi eccitano, esplode in un nuovo orgasmo.

"Non credo proprio che sia così: al massimo, le insegnerai un altro modo di fare sesso con gioia. Comunque, andiamo: non mi far fare tardi perché mio marito poi mi rimprovera; e, soprattutto, falle vedere ancora una volta come si copula bene, altro che i ragazzini inesperti!"

Urla in una lingua sconosciuta e forti colpi sulla porta svegliano Daniele. Il giovane si guarda intorno intontito, e ciò che lo circonda è un muto testimone di quello che è successo la giornata prima. Sexy toys si mescolano a bottiglie vuote e resti di cibo sparsi ovunque. I corpi nudi degli altri giacciono ancora addormentati sul pavimento. Marta è ancora appoggiata su Borimir e con una mano gli stringe il cazzo.

Ero eccitato e lei lo percepì distintamente. Anche se prigioniero dentro le mutande il mio cazzo era durissimo; avrebbe voluto mettersi dritto, sull'attenti, e questo faceva sì che lei lo avvertisse duro e prominente sulla coscia quando la infilava fra le mie, così come poté sentirlo dietro, a69 coppie quando fece un passo in cui lei era girata davanti a me.

In ogni modo, ancora una volta impongo il mio punto di vista, circa la maggiore ‘sacralità’ del ‘talamo’ di casa su quello dello chalet; e neppure mi accorgo che sto sbagliando e che Osvaldo, paziente, glissa sulla scelta e si adegua per non creare altri motivi di frizione.

Esistono ancora, anche se per poche tracce labili, alcune figure sociali della tradizione culturale locale, specialmente nel Meridione d’Italia, che andrebbero forse studiate a parte, per l’incidenza che hanno avuto sulla società (allora soprattutto contadina) prima che la globalizzazione spazzasse via tante differenze.

Infatti, dopo nemmeno una ventina di minuti che parlavamo, suonarono alla porta ed entrò un'altra coppia che la sera prima era in villa, ma non li conoscevo: lui era un sessantenne, lei non aveva più di quarantacinque anni. Lui era un omone, alto e robusto, non dimostrava l'età che aveva, lei era una bella donna ma mi sembrava un po'volgare, non aveva la classe delle altre donne conosciute.
La padrona di casa mi chiese di accompagnarla in cucina per un consiglio, ma quando arrivammo di là, mi disse che era un pretesto solo per dirmi di non farci caso, quella era un gran troione, e mi dette alcune informazioni. Poi ritornammo in salotto, insieme alle altre, ora eravamo al completo uomini e donne. Ben presto gli argomenti si spostarono sul sesso; chi raccontava una propria esperienza, chi ascoltava toccandosi perché in eccitazione. Ad un tratto, il troione, così la chiamerò per farmi capire, mentre passava il cameriere, lo fermò e gli toccò il pene attraverso il pantalone. Il ragazzo di colore, era fatto bene: alto, asciutto, e a vedere da fuori sembrava anche con una buona dotazione. La padrona di casa, che stava osservando quel gesto, e che conosceva molto bene i comportamenti di quella donna, rise e gli disse:" Jonathan, servi pure la signora!". Lui, probabilmente già avvezzo a queste situazioni, tirò giù la lampo e si prese l'uccello con la mano: devo dire che i neri non si smentiscono mai, aveva una bella mazza. La donna, con una voracità unica, agguanto' quel membro, e come fosse un microfono, per cantargliene quattro, iniziò un pompino da grande affamata. Tutti noi che eravamo seduti ci zittimmo per attenzionare il cameriere che stava per dare il ben servito all'ospite, ma questo ve lo racconto nel prossimo episodio......

"Con l'estetista, ho preso appuntamento per domani pomeriggio. Abbiamo avuto un invito da Clara ed Antonio per questo fine settimana a casa loro al mare. Ho accettato! Tanto ho capito che dietro a questo invito ci sta lo zampino di un porcello che conosco molto bene."

"E’ successo che avevi ragione: un rozzo mistificatore che usa una cultura d’accatto per fare colpo: ci sono cascata mani e piedi, mi sono vergognata di me stessa ed ho interrotto subito un’esperienza che solo una cretina poteva ritenere utile."

Añadir comentario