Comentarios del lector/a

Io E Flo: L'esplosione

por Linette Chidley (2021-01-06)

 |  Publicar respuesta

Ciò nonostante, se pur al corrente dei suoi trascorsi, accennati molto sommariamente e con enorme imbarazzo da parte sua, avevo dovuto tribolare per fare l'amore; ingegnosamente mi ci aveva portato gradualmente, temendo che non opponendo resistenza, mi sarei fatto una brutta impressione sulla sua moralità ed i suoi buoni principi; fin dai primi tempi che uscivamo , era molto restia a concedersi completamente tanto che mi era venuto il dubbio che fosse ancora vergine anche se come già detto precedentemente a 24 anni mi pareva improbabile; tempo addietro mi era capitato di andare con una ragazza di 15 anni che senza indugio si era fatta sverginare da me senza problemi e questo non fu un fatto unico l’età media era dai 15 ai 19 anni Mi accontentai per i primi tempi delle sue performance diciamo soft , apprezzando il suo talento nel dedicarsi a dare il meglio di se, inizialmente con giochini manuali che a breve distanza diventarono orali ; in quel periodo ebbi i più bei pompini della mia vita e pensare che eravamo all’interno di un apiccola auto .La cosa che mi colpì, fu sua disinvoltura e naturalezza nell’ingoiare tutto il mio sperma , di solito tutte le altre lo sputavano con espressioni schifate,quasi incazzandosi. Dopo aver condiviso tutte le gioie del sesso, in tutte le sue sfaccettature , ci infilavamo nella mia camera con la scusa di studiare e li gli davamo sotto con pompini, spagnole e dei succulenti annunci 69 racconti erotici, alcune volte, diciamo raramente concedendoci pratiche anali, non predilette da entrambi .Finalmente un bel giorno si decise e mi accolse dentro di lei dalla porta principale . Non scorderò mai quella sensazione e la gioia di penetrarla, entrare lentamente nella sua umida e vogliosa fichetta ; sentirla ansimare di piacere mentre il mio cazzo si addentrava nel profondo della sua femminilità. Sono passati molti anni e quelle nostre discussioni sul sesso, generalmente fatte in macchina in qualche sito per coppiette , mi mancano terribilmente.

Conoscendole intimamente, non rimasi affatto sbalordito dalla loro spregiudicatezza , al contrario notai una voglia di mostrarsi ai miei occhi ,libere finalmente da qualsiasi atavico tabù o pudore. Mi limitai ad osservarle evitando volutamente di interagire nei loro giochi saffici. Concluse le varie effusioni ci avviammo tutti e tre in salotto e dopo esserci distesi sul divano io al centro e loro ai lati , iniziammo a baciarci alternandoci spasmodicamente, fraternizzando e mischiando così i nostri aromi. Ero in una situazione invidiabile , finalmente il sogno diveniva realtà, ( chi di noi non ha mai sognato di avere una relazione sessuale con la moglie e l’amante?) . In silenzio scrutavo il contorcersi le lingue ed ingurgitare il mio cazzo ; si dividevano la preda da buone sorelline con dovizia e voluttà . Estasiato dalla celestiale visione non potendone più al limite della tolleranza,esplosi in un impetuoso orgasmo inondando di sborra le labbra ed i volti delle due femmine, le quali con dovizia iniziarono a leccarsi ancora più voluttuosamente asportandosi tutti i liquidi in eccedenza. Dopo esserci rivestiti decidemmo di andare al mare per regalarci un colossale bagno nella spettacolare spiaggia di Capocotta una belle macchie mediterranee più bella di tutto il litorale laziale; non a caso ex tenuta presidenziale (i nostri politici non sono mica scemi) . Usciti dalla città ed imboccata la Cristoforo Colombo ci dirigemmo dopo aver aperto la capote della vettura verso la meta, godendoci il bel venticello che ci avvolgeva nell'abitacolo. Immettendoci nella pineta di Ostia ci dirigemmo verso la meta, godendoci un bel tratto di lungomare. Parcheggiata l'auto ci appropinquammo verso la battigia . Praticamente a quella ora eravamo gli unici esseri umani nel raggio di diversi metri. Dato al splendida giornata decidemmo di sentire la temperatura dell'acqua . Completamente nudi lentamente iniziammo a fraternizzare con i flutti spumeggianti, dovendo però rinunciare nell'immergerci dato la freddezza dell'acqua. Delusi ma felici ce ne andammo in giro per i paesetti limitrofi fino a fermarci in una caratteristica trattoria dove servivano delle pietanze a base di pesce. Spaghetti con le vongole ed una colossale frittura mista il tutto annaffiato da varie bottiglie di vino della casa. Esssendo astemio e principalmente dovendo guidare evitai di bere lasciando tutto il nettare alle mie compagne le quali non disdegnarono ed in breve tempo si scolarono un paio di bottiglie . Saliti sulla vettura , dopo aver sistemato le due alquanto alticce presi la strada di casa . Completamente ubriache iniziarono a sbottonarsi le camicette mettendo in mostra le tette , per la gioia di tutti gli automobilisti che incrociavamo. Fui costretto a richiudere la capote onde evitare qualche increscioso incidente.

Era giunto il momento di rompere il ghiaccio , per questo la presi in braccio e dolcemente la portai su di un mucchio di paglia al centro della stanza,dove , fissando negli occhi giovanotti, con estrema disinvoltura ,si lasciò cadere l’abito ai piedi , mostrando con orgoglio il suo statuario corpo ,coperto solo dal succinto perizoma, straripante di folta peluria inguinale. In un silenzio tombale, inebetiti da cotanta bellezza e spregiudicatezza i maschi si avvicinarono e dopo averle tolto l’esiguo lembo di tessuto, liberando la villosa vagina da ogni barriera, diedero via ,ad un carosello erotico di baci appassionati e sensuali carezze. Lei unica femmina, protagonista indiscussa ed assoluta, si offriva alla foga giovanile dei suoi amanti riuscendo ad appagarli con destrezza con sapienti giochetti di mano, annunci a69.it alternati da esperti intrattenimenti orali. Accerchiata, dopo averla distesa sul morbido giaciglio in paglia , divaricandole le cosce , uno di loro si fiondò iniziando a leccarla appassionatamente regalandole un dolce e soave sollazzo ; il secondo avvicinandosi al volto le offri il cazzo che tempestivamente inghiottì fino in fondo . il terzo ed il quarto si misero ai lati, accontentandosi per il momento di essere energicamente masturbati . Poco distante mi gustavo la scenetta gradendo quello che stava succedendo, appagato e sempre più convinto nel l’astenermi da qualsiasi atto sessuale. Per il momento ancora nessuno dei quattro aveva avuto l’ardire di penetrarla, prodigandosi ad accrescerle il piacere, facendole repentinamente raggiungere un prorompente orgasmo. Una volta venuta uno di loro dopo aver calzato un profilattico puntò diretto alla fica zuppa di saliva mista ad umori vaginali e in un battibaleno la trafisse con il suo irto membro , dandole un momento di forte intensità . Sotto gli sguardi dei compagni, iniziò pompare in lei finché esausto e sfinito, sborrò. Non fece in tempo ad uscire che subito un altro dopo averla cambiata di posizione riprese le danze continuando a scoparla con foga :uno alla volta, annunci 69 racconti erotici 69 aspettando diligentemente il proprio turno, entrarono in lei .

Añadir comentario